Assassin's Creed Wiki

Le wiki internazionali di Assassin's Creed si uniscono per porre fine alla cultura tossica all'interno di Ubisoft.
→ Per saperne di più

LEGGI DI PIÙ

Assassin's Creed Wiki
Advertisement
Assassin's Creed Wiki

William Howe (10 agosto 1729 - 12 luglio 1814) è stato un generale dell'esercito britannico e il comandante in capo delle forze britanniche durante la guerra di indipendenza americana.

Biografia[]

Agli inizi del 1775, Howe accettò la nomina da re Giorgio III d'Inghilterra di vice del comandante in capo delle forze britanniche Thomas Gage. Nel marzo dello stesso anno, salpò per le colonie in America, con i colleghi Henry Clinton e John Burgoyne.

Howe giunse a Boston, il 25 maggio 1775, dopo aver appreso che la guerra era già scoppiata l'aprile scorso con la Battaglia di Lexington e Concord. Con i suoi 4.000 uomini al comando, William Howe rinforzò la guarnigione di 5.000 uomini sotto il comando di Thomas Gage a Boston, sotto assedio dall'Esercito Continentale dopo la ritirata delle truppe inglesi durante la battaglia di Lexington e Concord. Sin dall'inizio, Gage discusse con Howe e i generali Clinton e Burgoyne su come rompere l'assedio delle milizie coloniali e decisero di rendere sicuro la parte meridionale, unico accesso via terra per la città, rinforzando le Dorchester Heights e marciare contro le forze coloniali presenti a Roxbury, ed in seguito, catturare le alture dominanti presenti nella penisola di Charlestown dal lato opposto da Boston. Tuttavia, la fazione opposta ottenne un'informazione sui piani inglesi, il che li portò ad anticiparli e a stanziarsi sulle colline della penisola di Charlestown per bombardare la città. Individuati i movimenti delle milizie coloniali sulle colline, i generali inglesi si misero d'accordo nell'assaltare le fortificazioni dei patrioti. Howe guidò l'attacco sulla penisola e attaccò Breed's Hill, tuttavia i primi due attacchi vennero respinti dai patrioti, i quali erano ben protetti dalle fortificazioni costruite sulla collina. Al terzo attacco formò due forze, di cui una molto piccola, mandandoli all'assalto di due fianchi diversi della collina. L'attacco si rivelò un successo, ma perse comunque tanti uomini data la tenacia dei soldati americani durante la difesa della collina.

La controversa battaglia di Bunker Hill comportò il ritorno di Gage in Inghilterra e la promozione di Howe a comandante in capo delle forze nel Nord America. Nel 1776, Howe decise di attaccare le Dorchester Heights. Tuttavia, il colonnello dell'esercito continentale Henry Knox spostò i cannoni da Fort Ticonderoga alle Dorchester Heights, riuscendo nell'intento grazie all'aiuto degli Assassini inviatigli da Ratonhnhaké:ton, e Howe, pressato dagli Assassini, decise di abbandonare l'attacco e constatando l'enorme vantaggio nemico decise anche di ritirarsi dalla città.

Nel luglio del 1776, Howe ed il suo esercito sbarcò nell'isola di Staten Island, nelle vicinanze di New York, tuttavia dovette aspettare l'arrivo di ulteriori rinforzi prima di poter sferrare un attacco. Ciò, avvantaggiò gli americani che sfruttarono il tempo per migliorare le fortificazioni a Long Island e la milizia locale. Il 27 agosto dello stesso anno Howe attaccò le posizioni americane con il suo grosso esercito attaccandoli frontalmente con i mercenari tedeschi e conducendo una grossa colonna britannica sul fianco sinistro. L'attacco si concluse nella ritirata americana sulle loro posizioni a Brooklyn. Il mese dopo Howe conquistò la città di New York. Il giorno dopo, gli inglesi subirono la prima sconfitta dell'intera campagna per la conquista di New York ad Harlem Heights, dopo che gli Assassini di Connor risollevarono il morale degli americani sfruttando le derisioni degli inglesi a loro vantaggio.

Il 4 ottobre 1777, Howe dovette difendersi da un attacco dell'esercito Continentale condotta da George Washington, aiutato dagli Assassini di Connor, a Germantown. Nonostante Howe fu quasi sconfitto, riuscì a prevalere sulle forze americane grazie ai rinforzi tedeschi. Poco tempo più tardi nello stesso, Howe sospettò che lo statista del New Hampshire, Woodbury Langdon, fosse fedele alla causa patriota. Quindi, decise di confinarlo a New York dopo il suo ritorno da Londra. Tuttavia, Connor inviò alcuni Assassini per liberarlo e farlo fuggire nel New Hampshire.

Dopo la terribile sconfitta del generale Burgoyne a Saratoga, il governo inglese accettò le dimissioni dal comando di Howe e nominò suo successore Henry Clinton. Howe ritornò insieme al fratello Richard Howe in Inghilterra, nel 1778.

Galleria[]

Fonti[]

Advertisement