FANDOM


Eraicon - AssassiniEraicon-Origins

"Sei stata la prima a giurare, a salvare molte vite, la prima Occulta."
―Bayek mentre parla per l'ultima volta con Tahira, 38 a.C.[src]

Tahira (? - 38 a.C.) è stata la prima consorella a giurare e ad unirsi agli Occulti, l'organizzazione che si sarebbe sviluppata nella Confraternita degli Assassini.

Tahira era una vecchia conoscenza e amica del fondatore degli Occulti, l'ex medjay Bayek di Siwa, e servì come protettrice della fauna intorno al delta del Nilo prima di diventare un'Occulta.

Successivamente, Tahira venne incaricata di espandere e supervisionare l'organizzazione anche nel Sinai, dove si alleò con i ribelli nabatei comandati da Gamilat.

Biografia

Protettrice della fauna

Nel 49 a.C., dopo che il medjay Bayek di Siwa partì insieme a sua moglie Aya per vendetta contro i membri dell'Ordine degli Antichi per la morte del figlio Khemu, anche Tahira partì. Ispirata dei valori e del ruolo di Bayek a Siwa, anche Tahira divenne una protettrice. Tuttavia, a differenza di Bayek, Tahira promise di proteggere la fauna dell'Egitto, sopratutto nella zona intorno al delta del Nilo, dove la fauna era in costante pericolo a causa della caccia incontrollata dei romani. Infatti, nel 48 a.C., ci costruì un piccolo accampamento nel Nomo di Heracleion.

In quell'anno Tahira prese sotto la sua protezione due coccodrilli, che vivevano all'interno di un tempio in onore al dio Sobek, oramai in rovina. Un giorno, scorse Senu, l'aquila fedele amica del medjay Bayek, che chiamandola a sé con un fischio contemporaneamente fece in modo che Bayek venisse al suo accampamento. Lì, Tahira e Bayek parlarono delle loro avventure dopo la partenza da Siwa finché Tahira non convinse il medjay di seguirla alle rovine del tempio di Sobek. Raggiunto le vecchie rovine, Tahira si accorse che uno dei due coccodrilli era scomparso. Tahira capì subito che i colpevoli furono i romani e che avevano portato l'animale catturato a Natho, dove i romani avevano un'accampamento. Bayek e Tahira attaccarono l'accampamento, uccisero i cacciatori romani e liberarono il coccodrillo, che scortarono fino al tempio.

Unione agli Occulti

ACO Incontro con Bayek

Bayek incontra i suoi alleati.

Nel 47 a.C., Cleopatra divenne ufficialmente faraona d'Egitto grazie all'aiuto dei romani del suo amante, il generale Gaio Giulio Cesare. Ciò portò, Tahira insieme a Pasherenptah, Fano il Giovane, Foxida, Bayek ed Aya ad incontrarsi ad Alessandria, dove poterono esprimere la loro disapprovazione verso le azioni di Cleopatra. Tahira, insieme ai presenti, accettò di unirsi agli Occulti, l'organizzazione che Bayek e Aya fondarono per combattere l'Ordine degli Antichi e proteggere il libero arbitrio del popolo.

Dopo che Bayek e Aya riuscirono a sconfiggere l'Ordine degli Antichi, Tahira si unì ufficialmente agli Occulti, giurando fedeltà al mentore e al Credo e, come prova si tagliò l'anulare sinistro, ciò diventò successivamente un rito d'obbligo per tutti coloro che volessero entrare negli Occulti.

Una notte, Tahira, insieme a Bayek e un piccolo gruppo di Occulti, fece irruzione in una casa a Menfi, dove la proprietaria maltrattava i poveri bambini che catturava. Dopo aver liberato i bambini, uno di loro rimase fermo spiegando di avere paura, e mentre Tahira chiese a Bayek se dovessero portarlo al loro covo l'ex medjay rispose che l'avrebbe accompagnato a casa.

Morte

"Non lasciar morire il Credo."
―Le ultime parole di Tahira, 38 a.C.[src]
ACO la morte di Tahira

La morte di Tahira.

Nel 38 a.C., Tahira fu inviata nel Sinai, dove creò il nuovo covo degli Occulti e comandò quest'ultimi. In quel periodo, il Sinai fu in subbuglio a causa delle continue rivolte della popolazione locale, i nabatei, contro i romani. Tahira difese attivamente sia il popolo sia ribelli, guidati da Gamilat, con il quale si alleò, ma una rivolta che si trasformò in un massacro portò alla morte di due Occulti. Tahira, sentendosi colpevole dell'accaduto, inviò una lettera a Bayek, dove richiese il suo aiuto. Bayek arrivò nel Sinai e, dopo aver localizzato il covo degli Occulti nel nomo di Klysma, incontrò Tahira al suo interno, che gli presentò Gamilat e lo informò dei tre luogotenenti del generale Gaio Giulio Rufio che controllavano il Sinai: Tacito, Ampelio e Ptahmose.

Tahira accompagnò Bayek alla cava, luogo in cui supervisiona Tacito, dove gli spiegò il carattere crudele del romano contro gli schiavi. Subito dopo che Bayek uccise tacito, Tahira attaccò l'accampamento romano adiacente alla cava insieme ad un gruppo di ribelli nabatei per salvare gli schiavi imprigionati dai romani, e venne aiutata anche da Bayek.

Successivamente, Bayek riuscì ad uccidere gli altri due luogotenenti di Rufio, quindi ritornò al covo degli Occulti per informare Tahira delle sue azioni. Tuttavia, il loro incontro fu interrotto da Kashta, che entrò bruscamente nel covo avvisandoli di un'imboscata da parte dei romani. Il covo venne incendiato e durante la loro fuga, Tahira rimase intrappolata sotto una grande asse di legno in fiamme. Nonostante che i due Occulti riuscirono a salvarla, Tahira riportò gravi ustioni su tutto il corpo. Riuscirono a fuggire lo stesso attraverso un passaggio segreto, ma questo era noto anche ai romani che la occuparono, quindi riuscirono a catturare i tre Occulti. Tahira e Kashta furono trasferiti a Forte Clostra, mentre Bayek fu crocifisso. Il mentore degli Occulti venne salvato dall'Occulta Amunet, precedentemente Aya, ed insieme cavalcarono per Forte Clostar per salvare gli Occulti prigionieri. Amunet preparò la loro via di fuga, mentre Bayek si infiltrò nel forte, dove liberò Kashta dalla fossa dei leoni e, Tahira, indebolita a causa delle sue bruciature ancora non curate. I quattro Occulti si rifugiarono in mezzo alle montagne, nell'accampamento di Amunet, dove cercarono di curare le sue ferite per tutto il giorno, ma invano. Tahira, conscia del suo destino, parlò un'ultima volta con Bayek al quale chiese di non far morire il credo.

Galleria

Fonti

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.

Some of the links below are affiliate links meaning, at no additional cost to you, Fandom will earn a commission if you click through and make a purchase.

Stream the best stories.

Some of the links below are affiliate links meaning, at no additional cost to you, Fandom will earn a commission if you click through and make a purchase.

Get Disney+