Assassin's Creed Wiki

Le wiki internazionali di Assassin's Creed si uniscono per porre fine alla cultura tossica all'interno di Ubisoft.
→ Per saperne di più

LEGGI DI PIÙ

Assassin's Creed Wiki
Advertisement
Assassin's Creed Wiki


Sef Ibn-La'Ahad (1197 - 1225 c.) è stato un membro dell'Ordine degli Assassini, figlio di Altaïr e Maria Ibn-La'Ahad, e fratello minore di Darim Ibn-La'Ahad.[1] È anche un antenato di Desmond Miles per linea materna.[2]


Biografia[]

Nascita[]

Sef fu concepito dopo un incontro amoroso tra Altaïr e Maria in cima alla cittadella di Acri. Poco dopo la sua nascita, Sef crebbe secondo le tradizioni degli Assassini, come suo padre e suo fratello prima di lui.[3]

Vita senza la famiglia[]

Nel 1217, Altaïr, Maria e Darim partirono per la Mongolia al fine di assassinare Gengis Khan, sospettosi che la sua potenza militare sia dovuta dal potere di un manufatto della Prima Civilizzazione, mentre Sef scelse di rimanere a Masyaf per prendersi cura della moglie e delle due figlie.[1]

Morte[]

Otto anni dopo la partenza del padre, della madre e del fratello, l'Assassino Abbas Sofian fece un colpo di stato per assumere il controllo dell'Ordine a proprio vantaggio. Abbas ordinò alla sua fidata spia Swami, che era un Apprendista poco accorto, di uccidere Sef e dirgli poco prima di compiere l'atto che fu suo padre a ordinarlo. Successivamente, Abbas rinchiuse Malik Al-Sayf (che durante l'assenza di Altaïr era diventato temporaneamente il capo dell'Ordine) nei sotterranei della fortezza, attribuendogli la responsabilità dell'omicidio di Sef.[1]

Due anni dopo, la famiglia di Sef tornò a Masyaf del tutto ignari di ciò che accadde durante la loro assenza. Informati che Sef era stato trasferito ad Alamut, insieme alla famiglia, Altaïr comandò a suo figlio di partire e riportarlo a Masyaf. Tuttavia, il giorno dopo, Altaïr e Maria appresero della morte del figlio durante un incontro con il consiglio da Abbas, il quale li informò anche del suo assassino.[1]

Altaïr, quindi, volendo scoprire la verità si diresse alla prigione, dove liberò Malik e lo portò nel suo alloggio. Dal suo amico scoprì la verità sulla morte di suo figlio e su ciò che starebbe accadendo a Masyaf. Altaïr e Maria andarono nel cortile per incontrare Abbas, che era in compagnia di Swami ed altri Assassini. Abbas disse che avrebbero appreso le ragioni della morte del figlio, solo se gli fosse stata consegnata la Mela. Altaïr porse loro la Mela, e mentre Swami tentava di prenderla, rivelò loro che prima di uccidere Sef gli disse che era stato suo padre a ordinare l'omicidio.[1]

La rabbia di Altaïr fu trasmessa nella Mela, e quando Swami la toccò, iniziò ad ucciderlo con un bagliore dorato. Maria urlò ad Altaïr, poiché egli si era lasciato accecare dalla rabbia, scuotendolo impaurita di quello che sarebbe stato capace di fare. Nell'agitazione seguente, il pugnale di Swami andò a conficcarsi nella schiena di Maria, colpendo un organo vitale, costringendola a morire rapidamente. Mentre stava per morire, Altaïr la prese fra le braccia, sconvolto dalla sua morte e dispiaciuto, per poi fuggire via distrutto e colmo di rabbia.[1]

Dopo la morte di Sef, la sua famiglia si trasferì ad Alamut vivendo insieme ad Altaïr e a Darim per un breve periodo di tempo, prima di decidere di trasferirsi ad Alessandria, scacciati dall'ossessione depressiva di Altaïr per la Mela dell'Eden. Darim si unì alla famiglia di suo fratello e si stabilì con loro verso la fine del 1257.[1]

Curiosità[]

  • "Sef" è un nome egiziano che significa "spada". Invece, "Ibn-La'Ahad" significa "figlio di nessuno".
  • I figli di Sef e i loro discendenti vennero citati in una e-mail interna inviata tra i superiori della Abstergo Entertainment. Mentre discutevano di altri potenziali candidati per le future ambientazioni per il progetto Campione 17, la parte ascendente di stirpe materna di Desmond Miles proveniente dall'Egitto del XIII secolo fu elencata come una possibilità.[4]

Note[]

Advertisement