FANDOM


Eraicon - PersonaggiEraicon - TemplariEraicon - UnityEraicon - Unity romanzo


"Sua Grazia non tollera le scuse. Lui vuole risultati. Se non raggiungi la quota, dovrà fare... dei cambiamenti."
―Aloys la Touche sul suo padrone, 1791.[src]

Roi des Thunes (in italiano: re dei mendicanti, ? - 19 gennaio 1791) è stato il titolo detenuto dal capo della Corte dei miracoli e un membro dell'Ordine dei Templari sotto il Gran Maestro François-Thomas Germain. Venne assassinato dall'Assassino Arno Dorian.

BiografiaModifica

Nonostante mancassero documenti che testimoniassero l'esistenza di figure che usufruirono di tale titolo, si raccontò che un uomo che portava questo titolo nel 1791 fosse il figlio illegittimo di un membro della piccola nobiltà. Salì al potere nella Corte dei miracoli poco prima del 1780 e presto si fece la reputazione di uomo crudele verso i mendicanti che gli rendevano omaggio, soprattutto quando quest'ultimi non guadagnavano le giuste quote da versare, in seguito, come tributo al re dei mendicanti. Come punizione gli venivano amputati uno o più arti per facilitarlo nell'elemosina e per spaventare gli altri mendicanti.

Durante il suo regno, il Roi des Thunes fece la conoscenza di un ex esattore, Aloys la Touche, e intuendo il suo potenziale decise di prenderlo sotto la sua ala. Intorno al 1789, il Roi des Thunes scoprì l'esistenza dell'Ordine dei Templari e chiese un incontro con i loro membri per unirsi ai loro ranghi, offrendo oltre i suoi servigi, anche le informazioni che raccoglievano i suoi servitori. Tuttavia, il Gran Maestro François de la Serre, rifiutò la sua richiesta di entrare nell'Ordine poiché i suoi servigi non sarebbero stati utili e definì le informazioni dei suoi sudditi "intrighi fra ratti".

Il Roi des Thunes si rifugiò nel suo covo, giurando vendetta su de la Serre e gli venne data l'opportunità dal Templare Charles-Gabriel Sivert che lo reclutò tra i ranghi di una fazione Templare interna e avversa a de la Serre e guidata da François-Thomas Germain e lo rese partecipe del complotto per assassinare de la Serre stesso. In seguito, Germain accettò ufficialmente il Roi des Thunes e il suo braccio destro, Aloys la Touche, all'interno dell'Ordine.

A maggio del 1789, Germain vide l'occasione per portare a compimento il colpo di stato durante la festa della figlia di de la Serre, Élise, per onorare la sua ufficiale entrata all'Ordine. Sivert e il Roi des Thunes vennero incaricati da Germain di assassinare François de la Serre. Sivert chiese a de la Serre di incontrarlo fuori per parlare di una cosa importante. Ai giardini del palazzo, quando François lo raggiunse, Sivert lo attaccò a sorpresa. Tuttavia, de la Serre rispose prontamente all'attacco e ferì in faccia con la sua spada Sivert, provocandogli una brutta ferita vicino all'occhio sinistro. Trovandosi in un momento di stallo, il Roi des Thunes intervenne e con la spilla avvelenata punse il collo di de la Serre. L'arrivo improvviso di Arno che si avvicinò a de la Serre li costrinse alla fuga, ma Sivert sfruttò il momento per attirare le guardie e incastrare Arno dell'omicidio, che venne poco tempo dopo rinchiuso alla Bastiglia.

Intorno al 1791, il Consiglio degli Assassini inviò tre Assassini con il compito di trovare il nascondiglio del Roi des Thunes e ucciderlo. Tuttavia, solamente due di loro ritornarono a fare rapporto, affermando di non averlo trovato, mentre il terzo, Brasseur, venne dato per disperso. Dopo aver appreso il coinvolgimento del Roi des Thunes nell'omicidio di de la Serre, il Consiglio incaricò Arno di individuare e assassinare il Roi des Thunes.

Grazie all'aiuto del marchese de Sade, Arno riuscì a trovare il Roi des Thunes, pedinando e interrogando la Touche. Quest'ultimo rivelò immediatamente ad Arno dove si nascondeva il suo padrone e venne risparmiato. Quindi, si diresse immediatamente al nascondiglio del Roi des Thunes e lo avvertì dell'arrivo dell'Assassino. Il Roi des Thunes, stupito di essere già un bersaglio degli Assassini, decise di inviare alcune guardie guidate da la Touche alla sua ricerca nelle catacombe.

Quando Arno raggiunse la sala del trono, si avvicinò furtivamente al trono, dov'era seduto il Roi des Thunes. Tuttavia, quando attaccò si accorse che il corpo seduto sul trono era il cadavere di Brasseur, l'Assassino scomparso. A quel punto, il Roi des Thunes con alcuni cecchini spararono ad Arno distratto dall'esca. Fortunatamente, Arno evitò gli spari e agilmente sfuggì ai cecchini e assassinò il Roi des Thunes. Attraverso i ricordi del Roi des Thunes, Arno scoprì che Sivert e il Roi des Thunes erano soltanto gli assassini di François de la Serre e che rispondevano agli ordini di un altro Gran Maestro. Dal cadavere del defunto monarca, Arno prese la pistola da ufficiale appartenuta a Brasseur per consegnarla a Guillaume Beylier, il maestro del morto. Dopo essere riuscito a fuggire dalle catacombe, Arno raggiunse un bordello, dove vide l'ascesa al trono del marchese de Sade.

GalleriaModifica

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.

Alcuni dei link qui sono link affiliati, ciò significa che, senza costi aggiuntivi, Fandom riceverà una commissione nel caso tu decidessi di cliccare e fare un acquisto.

Stream the best stories.

Alcuni dei link qui sono link affiliati, ciò significa che, senza costi aggiuntivi, Fandom riceverà una commissione nel caso tu decidessi di cliccare e fare un acquisto.

Get Disney+