Eraicon - Revelations.png


Le porte dell'arsenale è la rappresentazione virtuale di una delle memorie genetiche di Ezio Auditore da Firenze, rivissuta da Desmond Miles nel 2012 attraverso l'Animus.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver pedinato Tarik Barleti, Ezio Auditore da Firenze si dirige verso le porte dell'arsenale dove incontra Yusuf Tazim. Insieme decidono di fomentare una rivolta popolare contro i Giannizzeri così da distrarli in modo da oltrepassare più agevolmente le porte dell'Arsenale.

Dialoghi[modifica | modifica sorgente]

Tarik Barleti e un suo Giannizzero incontrano un uomo di nome Manuele e la sua guardia del corpo, che porta con sé uno scrigno, presso le porte dell'Arsenale di Costantinopoli.

I quattro uomini si incontrano all'Arsenale.

  • Manuele: Potete verificare la somma, Tarik, ma terrò il denaro finchè non avrò visto la merce con i miei occhi e ne avrò saggiato la qualità.
  • Tarik: Intesi. Siete un uomo accorto, Manuele.
  • Manuele: La fiducia senza cinismo è vana.
  • Giannizzero: I conti tornano, Tarik. C'è tutto.
  • Manuele: E adesso?
  • Tarik: Avrete accesso all'Arsenale. Se sarete soddisfatto, la merce verrà recapitata nel luogo di vostra scelta.
  • Manuele: I vostri sono disposti a viaggiare?
  • Tarik: Nessun problema.
  • Manuele: Molto bene. Vi farò tracciare una mappa entro la settimana.

I quattro uomini entrano nell'Arsenale.
Ezio Auditore da Firenze incontra Yusuf Tazim fuori dalle porte dell'Arsenale.

  • Ezio: Siamo qui per lo stesso motivo?
  • Yusuf: Uno dei miei uomini dice di aver visto un carico d'armi entrare nell'Arsenale. Così mi sono incuriosito.
  • Ezio: Armi, eh? Sarei curioso di vederle anche io.
  • Yusuf: A meno di non uccidere tutti, non so come potresti entrare.

Yusuf ed Ezio osservano due Giannizzeri maltrattare un mercante che vende la sua merce poco fuori le mura dell'Arsenale.

  • Giannizzero: Ti avevamo avvisato! Niente mercanti vicino alle mura dell'Arsenale. Levate questa roba.
  • Mercante: Ipocriti! Se i vostri uomini non comprassero la mia merce, non la venderei qui. Siete peggio dei Bizantini, traditori!

Uno dei due Giannizzeri colpisce, con un pugno al volto, il mercante che cade a terra.

  • Giannizzero: Bada a come parli, parassita!
  • Yusuf: Pure in tempo di pace, i poveri sono sempre sotto assedio.
  • Ezio: Se li spingiamo a sfogare la loro rabbia, forse questo aiuterà la notra causa.

Ezio inizia a corrompe i banditori presenti presso le porte dell'Arsenale in modo che spingano, con le loro parole, i cittadini di Costantinopoli, presenti nei dintorni, a scatenare la loro rabbia contro i Giannizzeri.

  • Yusuf: Fingere solidarietà per conseguire i tuoi scopi. Che gentiluomo, no?
  • Ezio: Non è bello, lo so. Ma funzionerà.

Una volta corrotti tutti i banditori presenti nei dintorni ed aver scatenato, con il loro aiuto, la rabbia della popolazione di Costantinopoli verso i Giannizzeri presenti nell'Arsenale, Ezio e Yusuf si ritrovano.

Ezio e Yusuf osservano la folla che si è radunata.

  • Ezio: Quella porta non rimarrà chiusa per molto.
  • Yusuf: La gente ti sta facendo un favore, Ezio. Ricambialo, e fai in modo di difenderla.

Le guardie attaccano i cittadini in protesta ed Ezio li difende.
Una volta aver respinto, con l'aiuto di Ezio, gli attacchi delle guardie, i cittadini di Costantinopoli in rivolta aprono con la forza le porte dell'Arsenale e vi irrompono scagliandosi contro i Giannizzeri e permettendo anche ad Ezio di entrarvi.

Risultato[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver scoperto che Tarik è coinvolto in un complotto, Ezio scatena una rivolta popolare contro i Giannizzeri e la sfrutta per entrare nell'Arsenale dove si trovano Tarik e Manuele.

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Ricordi principali
Sequenza 1: Come tornare a casa
Il carnefice - Fuga in extremis - Uno strano diario - A rotta di collo - L'aquila ferita
Sequenza 2: Il crocevia del mondo
Un caldo benvenuto - Ambientamento - La lama uncinata - Panorama da Galata
Tattiche avanzate - Alla difesa - All'attacco
Sequenza 3: Oggetti smarriti
Il prigioniero - La sentinella, parte 1 - Contratti di gilda - Fabbricazione di bombe - Un volto familiare
La cisterna di Yerebatan - Do ut des - Il custode del Mentore
La maledizione degli Athingani - La sentinella, parte 2
Sequenza 4: Guerra incivile
Il banchetto del principe - Un incontro difficile - La quarta parte del mondo
Segni e simboli, parte I - La torre di Galata - La veglia del Mentore
Sequenza 5: Erede dell'impero
I Giannizzeri - Le porte dell'arsenale - Infiltrazione nell'arsenale
Ritratto di donna - Segni e simboli, parte II - Il Foro del Bue - Un nuovo regime
Sequenza 6: Lo sfavore della fortuna
Nell'ombra - Onore perduto e vinto - Latore di notizie
Commissioni - Segni e simboli, parte III - La torre della Fanciulla - Il ritorno del Mentore - A vele spiegate
Sequenza 7: Malavita
La città nascosta - La spia che mi evitava - Il rinnegato - Disarmo forzato
L'ultimo dei Paleologi - Fuga - Passaggio di testimone
Sequenza 8: La fine di un'epoca
Scoperta - Lo scambio - La fine del viaggio
Sequenza 9: Rivelazioni
Ritorno a casa - L'eredità perduta - Il messaggio
Luoghi segreti
Il segreto di Santa Sofia - La tomba dell'Impalatore
Reclutamento Assassini
Il rissoso - L'allievo - Il vendicatore - L'acrobata - I mendicanti - La borseggiatrice
Maestro Assassino
Il Diacono (Parte 1 - Parte 2) - La Truffatrice (Parte 1 - Parte 2) - Il Campione (Parte 1 - Parte 2)
Il Guardiano (Parte 1 - Parte 2) - Il Visir (Parte 1 - Parte 2) - La Teatrante (Parte 1 - Parte 2)
Sede di fazione
Ragazzo sfortunato - Delazioni
Libri
L'ippodromo - Galata - L'arsenale - Il Foro del Bue - L'acquedotto - Chiesa I - Chiesa II
Piri Reis
Tuono - Cortina fumogena - Pirotecnica - Datura - Triboli
Richiamo fumogeno - Invischiato con le bombe - Cavo d'innesco
Il Viaggio di Desmond
Dubbi - Addestramento - Fuga - Metropoli - Rimpianti
L'Archivio Perduto
La fine è solo l'inizio - L'Ordine - Abstergo - La talpa - Effetto osmosi - La verità - La fine
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.