FANDOM


Eraicon - AssassiniEraicon - Altair's Chronicles

Kadar
Kadar-ACAC
Informazioni biografiche
Periodo storico

Basso Medioevo

Informazioni politiche
Affiliazioni

Assassini

Altre informazioni
Appare in

Altaïr's Chronicles

Kadar è stato un membro del ramo levantino della Confraternita degli Assassini e Rafiq di Gerusalemme durante la Terza Crociata, che era stato incaricato di monitorare il regime dei crociati in città.

Biografia

Come Rafiq di Gerusalemme, Kadar assegnò almeno un agente degli Assassini alla corte del re di Gerusalemme come spia. Quando il Gran Maestro Templare Lord Basilisk arrivò, presidiando le sue truppe in città, Kadar fu in grado di raccogliere informazioni su di lui.

In questa veste, fu contattato dal collega Assassino Altaïr Ibn-La'Ahad nel 1190, sperando di ottenere l'ultima chiave per il Tempio di Sabbia nella sua ricerca del Calice. Questa chiave fu segnalata da un vecchio prigioniero all'Ospedale dei Templari di Tiro per essere in possesso di Basilisk.

Kadar rivelò ad Altaïr che, in circostanze normali, raggiungere Lord Basilisk avrebbe richiesto di entrare nel palazzo del re, poiché il Templare accompagnava il re in ogni momento. L'infiltrazione del palazzo sarebbe stata un'impresa immensa, ma fortunatamente per Altaïr, il re stava organizzando una festa fuori dal palazzo, dando la possibilità all'Assassino di prendere Basilisk senza doversi occupare delle difese del castello.

Senza la posizione esatta di questa festa, Kadar mandò Altaïr ad origliare i nobili invitati nei giardini della città. Prima che l'Assassino partisse, Rafiq gli chiese di indagare sullo stato della sua spia, con la quale aveva perso i contatti dall'arrivo di Basilisk.

Fedele al consiglio di Kadar, Altaïr riuscì a scoprire la posizione dell'evento nella villa di Lacoeur attraverso i pettegolezzi nei giardini e un nobile di nome Ayman. Quando lanciò un assalto alla festa, si imbatté anche nella spia scomparsa di Kadar, che lo rassicurò che la sua identità era rimasta segreta, solo che la vigilanza di Basilisk non aveva lasciato alcuna possibilità di messaggi. Alla fine del suo attacco, grazie alla spia, Altaïr riuscì a infiltrarsi nel mastio della villa e a rubare l'ultima chiave di Basilisk.

Fonte

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.