Assassin's Creed Wiki

Le wiki internazionali di Assassin's Creed si uniscono per porre fine alla cultura tossica all'interno di Ubisoft.
→ Per saperne di più

LEGGI DI PIÙ

Assassin's Creed Wiki
Advertisement
Assassin's Creed Wiki
PL Affranto.png Qui si cerca di espandere la mente degli uomini.

Questo articolo è uno stub e ha bisogno di espandersi. Puoi aiutare Assassin's Creed Wiki aggiungendo altre informazioni.

Jennifer "Jenny" Scott (1713 - 1805) è stata la figlia di Edward Kenway e della sua prima moglie, Caroline Scott, la sorellastra di Haytham Kenway e la zia di Ratonhnhaké:ton.

Biografia[]

Primi anni di vita[]

Caroline incontra suo padre per la prima volta.

Jennifer nacque nel 1713, poco dopo la partenza del padre per i Caraibi. Di conseguenza, crebbe con la madre in Galles sino alla morte di questi avvenuta nel 1720. Nel 1722, Jennifer si imbarcò in una nave per raggiungere Great Inagua, dove risiedeva il padre che era ormai diventato ricco grazie alle sue attività da pirata e si era anche riconciliato con la Confraternita caraibica degli Assassini.

I due tornarono in Inghilterra qualche mese dopo e Jennifer andò a vivere con Edward, anche se essendo stata cresciuta dalla madre decise di mantenere il cognome Scott. Qualche tempo dopo suo padre si risposò con Tessa Stephenson-Oakley e nel 1725, la coppia ebbe un figlio Haytham.

Jenny nutrì sempre risentimento nei confronti di suo padre per non averla addestrata come Assassina e di conseguenza, era spesso fredda nei confronti del fratellastro. Oltretutto non approvava il piano di suo padre di farla sposare con Reginald Birch.

Rapimento[]

Nel 1735, Jenny scoprì che Birch era una Templare e ne informò suo padre, ma purtroppo lo scoprì troppo tardi: quella notte stessa cinque mercenari la rapirono dopo aver preso d'assalto la casa, uccidendo suo padre e rubando il suo diario. Birch la fece vendere agli schiavisti turchi, ed imputò il crimine al cameriere di Edward, Jack Digweed, prendendo Haytham sotto la sua ala.

Jennifer divenne una concubina nel palazzo Topkapi. Nel 1757 all'età di quarant'anni ormai troppo vecchia per continuare a fare la concubina fu trasportata a Damasco per servire sotto il governatore ottomano in carica, As'ad Pasha al-Azm come serva. Alla fine, Haytham e il suo fedele amico, Jim Holden, si infiltrarono nel palazzo e la salvarono.

Jenny informò Haytham che loro padre era stato ucciso da Birch e i due per vendicarsi uccisero quest'ultimo mentre si trovava nel suo castello a Troyes, in Francia. Jennifer aggredì Birch nel suo ufficio e, nonostante lui le tenesse un coltello alla gola, riuscì a lanciarlo su una spada inchiodata alla porta, ponendo fine alla sua vita.

Ritorno a Londra[]

Jennifer tornò a Londra e prese possesso della villa in Queen Anne's Square. Lei e Haytham rimasero in contatto, anche se non arrivarono mai a conoscersi molto bene. Jennifer rimase un po' delusa dal fatto che il suo fratellastro avesse scelto di rimanere un Templare, ma fu comunque rattristata nell'apprendere della sua morte per mano del nipote.

L'incontro con Élise de la Serre[]

Nel 1788 la giovane Templare Élise de la Serre venne incaricata dalla famiglia Templare inglese dei Carroll, di recuperare delle lettere nella casa di Jennifer. Allora Élise, con la falsa identità di Yvonne Albertine, e la sua cameriera personale Hélène, si insediarono nella dimora della donna.

Jennifer ed Élise.jpg

La copertura però saltò, facendo infuriare Jennifer. Seppur in un primo momento fosse in preda all'ira, alla fine cedette ad Élise le lettere, riconoscendo nella ragazza una versione giovane di sé stessa. Inoltre le donò una collana Templare che il fratello le aveva spedito anni prima. Benché Jennifer non fosse un membro dell'Ordine, in quell'episodio si dichiarò stufa dell'incessante lotta e convinta che le idee di unione tra Templari e Assassini formulate da Haytham nelle lettere, non fossero del tutto irraggiungibili. Così chiese ad Élise di proporle ai confratelli francesi, quando sarebbe diventata Gran Maestro.

Élise e Jennifer rimasero molto in contatto nel tempo, scrivendosi numerose lettere nelle quali Élise parlava della sua situazione e quella dei Templari in Francia, in particolare di lei e dell'Assassino Arno Dorian. Le due donne si separarono in cattivi rapporti, dato che Jennifer rifiutò di prendere parte alla lotta tra Assassini e Templari, che aveva distrutto la sua famiglia. Per tutto il resto della sua vita, Jennifer continuò a proporre occasionalmente la pace tra Assassini e Templari, tanto che alla sua morte entrambe le fazioni tirarono un sospiro di sollievo.

Apparizioni[]

Fonti[]

Advertisement