Assassin's Creed Wiki
Advertisement
Assassin's Creed Wiki
Eraicon - Ricordi.pngEraicon - Brotherhood.png


Questo è l'articolo inerente al ricordo. Potresti aver cercato il luogo in cui è ambientato.

Il tempio di Pitagora è la rappresentazione virtuale di una delle memorie genetiche di Ezio Auditore da Firenze, rivissuta da Desmond Miles nel 2012 attraverso l'Animus.

Descrizione[]

Ezio Auditore da Firenze, dopo aver scoperto l'entrata delle catacombe, vi entra ed inizia a cercare il suo amico Leonardo da Vinci. Dopo averlo trovato, torturato da Ercole Massimo, che vuole sapere dall'uomo come entrare nel Tempio di Pitagora, Ezio si reca velocemente da lui. Uccisi tutti gli Ermetisti che si trovavano lì, Ezio raggiunge Leonardo ed assassina il leader degli Ermetisti. Dopodiché, sotto richiesta di Leonardo, i due si avventurano all'interno del tempio, dove infine trovano una stanza segreta. Lì i due uomini trovano un misterioso messaggio, che l'Assassino comprende non essere destinato a loro.

Dialoghi[]

Ezio Auditore da Firenze entra nella catacombe ed inizia ad esplorarle, finché non sente la voce di Leonardo da Vinci e di un'altro uomo in lontananza.

  • Ercole: Leonardo, proprio non capisco perché vi siate rivoltato contro gli ideali che abbiamo sempre seguito!
  • Leonardo: La fiducia è cosa terribile.
  • Ercole: Voi state tradendo la mia!

Ezio sente il suono di un pugno che colpisce Leonardo.

  • Ercole: Ditemi dov'è l'ingresso.
  • Leonardo: Sono ingenuo... credere che anche voi perseguiste il sapere.
  • Ercole: Perché perseguire il sapere senza farne uso? Abbiamo l'occasione di creare un mondo nuovo, in cui saremo liberi di plasmare il nostro destino.
  • Leonardo: E se io non fossi disposto a far parte della vostra visione?
  • Ercole: Sarebbe assurdo. Ma non capite? Noi possiamo bandire l'ignoranza. Liberare le genti dalle classi sociali, dai regni, dalle emozioni animali. Tutti avranno la verità a portata di mano.
  • Leonardo: E prendermi a botte qui al buio libererà le genti d'Italia?
  • Ercole: In quel tempio c'è l'unificatore pitagorico. Lo sappiamo entrambi. Il numero associato a tutta la natura, a ogni cosa. È l'origine. Con esso, possiamo aprire la mente e l'anime degli uomini. E riempirle di sapere.
  • Leonardo: Com'è al di sopra, così al di sotto.
  • Ercole: Quello è il voto Ermetico. Insieme, trasformeremo o gli uomini in dei. Ora, mostratemi l'ingresso.
  • Leonardo: Perché? Non sapete dove si trovi?
  • Ercole: E come potrei?
  • Leonardo: (Risata ironica) Conoscete quello che vuole l'umanità, pensavo che scoprire la posizione di un semplice ingresso nascosto fosse una bazzecola.
  • Ercole: Voi- Dove si trova?!
  • Leonardo: Indovinate.

Ezio raggiunge gli Ermetisti, mostrandosi ad Ercole.

Ercole parla ad Ezio.

  • Ezio: Fermi.
  • Ercole: Ezio Auditore! Voi, che avete arrestato Cesare Borgia, che avete impedito il diffondersi dell'ignoranza a Roma, convincete il vostro amico Leonardo ad aprire il tempio ed entrare nell'era d'oro dell'umanità.
  • Ezio: Dovrei persuadere il nostro amico a calci? O preferite ch'io adoperi il pugnale?
  • Ercole: Al contrario, non c'è cosa più auspicabile per me di una soluzione pacifica. Aiutate Leonardo a capire. Con l'unificatore pitagorico, rimetteremo insieme l'umanità.

Ezio sfodera la spada.

  • Ezio: Non sotto il mio Credo.
  • Ercole: La rivoluzione inizierà senza di voi.
    (Agli Ermetisti) Uccidetelo!

Gli Ermetisti che si trovano lì attaccano Ezio.

Gli Ermetisti attaccano Ezio.

  • Ercole: Leonardo, devo sapere.
    Vi prego, per il futuro dell'umanità.
    Ditemelo!

Ezio riesce ad assassinare tutti i suoi assalitori. Ercole, preso dal panico, lancia il suo ultimo discepolo verso Ezio, giù dalla piattaforma.

  • Ercole: Va'! Fermalo!

L'Ermetista cade dalla piattaforma e muore ai piedi di Ezio.

  • Ezio: Molto azzardato.

Ezio usa la roccia caduta dalla piattaforma per arrampicarvisi, raggiungendo così Ercole e Leonardo.

  • Ercole: Stammi lontano, Assassino.
    In fondo siamo tutti uguali, ma quella gente persiste nella caccia alle streghe!
    Intendete riportarci alle nostre primitive origini? Firenze contro Venezia, Venezia contro Roma. Una massa di ignoranti contro l'altra in eterno, è questo che volete?

Ezio ferisce a morte Ercole.

La morte di Ercole Massimo.

  • Ercole: Voi... un Assassino... nemico del sapere?
  • Ezio: La ricerca della verità è una scelta. Renderla obbligatoria serve a poco.
  • Ercole: Quelle genti perdute... quei regni in guerra... li avrei liberati dalla sofferenza.
  • Ezio: Che tu possa conoscere la verità nella morte. Requiescat in pace.

Ercole Massimo muore. Dopodiché Ezio si avvicina a Leonardo e lo libera dalle corde che lo tenevano legato.

  • Ezio: Vieni. Andiamocene di qui.
  • Leonardo: Non possiamo, Ezio. Dobbiamo raggiungere l'ultima sala del tempio.
  • Ezio: Sei ferito.
  • Leonardo: Me la caverò. Se quel numero rimane intatto, rischiamo che un'altro pazzo lo scopra.

Spingendo un meccanismo a forma triangolare, Leonardo apre una porta segreta, che porta alla sala successiva.

  • Leonardo: Vieni?
  • Ezio: (Indicando una fiaccola) Prendi la fiaccola. Aprirò la strada.

I due attraversano la porta, che si richiude subito dopo.

  • Leonardo: Per fortuna ho mandato Massimo a caccia dei miei quadri, ciò ha rallentato molto i loro progressi.

Dopo aver attraversato un corridoio, i due raggiungono una grande sala.

Ezio e Leonardo nella sala della terra.

  • Leonardo: I Pitagorici credevano che l'anima si muovesse nelle fessure della Terra, come un raggio di luce. Essa accende il fuoco, che simboleggia il sapere.

Ezio inizia a risolvere gli enigmi all'interno della sala.

  • Leonardo: Forse potresti spostare gli specchi in modo da concentrare la luce su quella corda.

Ezio sposta la seconda leva, spostando un grosso blocco di pietra, oltre agli specchi.

  • Ezio: Ora ho il modo di tornare quassù.
  • Leonardo: Ci sei quasi!
  • Ezio: Facile a dirsi per te.

Dopo che Ezio aziona l'ultima leva ed sposta così l'ultimo specchio della sala, la luce si concentra sulla corda, che, spezzandosi, permette ad un meccanismo di aprire una nuova porta. I due superano la porta segreta appena aperta.

  • Leonardo: Dobbiamo procedere oltre!
  • Leonardo: Immagino che Salaì sia in giro a sperperare il mio tanto sudato denaro?
  • Ezio: È a casa sano e salvo.
  • Leonardo: Mi conforta... per il denaro, ovviamente.
  • Ezio: Non hai bisogno di mentirmi. Salaì ti si confà. Approvo.
  • Leonardo: Io...
  • Ezio: Leonardo da Vinci è senza parole? È la prima volta.

Dopo aver attraversato un nuovo corridoio, i due entrano in una seconda grande stanza.

  • Leonardo: Servirebbe un po' di luce qui.

Utilizzando la fiaccola, Leonardo accende due nuove torce, illuminando la stanza.

Ezio e Leonardo nella sala dell'aria.

  • Leonardo: Hai udito? Il vento.

Ezio inizia a risolvere gli enigmi della nuova sala.

  • Leonardo: I Pitagorici credevano che tutte le forze della natura potessero essere ridotti a numeri. La matematica può quindi agire sulla natura, consentendo all'uomo di sfruttarne il potere.

Ezio sblocca alcune prese d'aria, insieme ad un blocco di pietra.

  • Ezio: Ora ho il modo di tornare quassù.

Ezio riesce a sbloccare delle nuove prese d'aria, che iniziano a far girare una grande ruota.

  • Leonardo: La ruota gira. Stai convogliando l'aria, continua così!

Anche un grosso blocco di pietra si sposta sotto Ezio.

  • Ezio: Perfetto, un modo per risalire.

Ezio riesce ad attivare le ultime prese d'aria, che riescono a far girare la ruota abbastanza velocemente da permettergli di aprire la porta che conduce alla sala successiva del tempio.

  • Leonardo: Solo un'ultima sala prima di raggiungere il centro!

Dopo aver superato la porta segreta e un nuovo corridoio, i due raggiungono l'ultima sala del tempio. Essendo buia, Leonardo accende una torcia con la sua fiaccola, innescando un meccanismo che accende tutte le altre torce presenti nella sala, illuminandola.

  • Leonardo: Ma guarda un po'! Delizioso.
  • Ezio: Il fuoco della conoscenza.
  • Leonardo: Esatto! Secondo i Pitagorici l'armonia si ottiene unificando il molteplice. Quando molti pensieri si combinano per formare un'idea originale.

Ezio attiva la prima leva, muovendo un grosso blocco di pietra.

  • Ezio: Mi tornerà utile se cado.

Inoltre, un meccanismo permette al fuoco presente sulle pareti di raggiungere il centro della sala attraverso i solchi presenti nel pavimento.

  • Leonardo: Sì! Illuminazione!
  • Ezio: Molto divertente.

Dopo che Ezio ha attivato tutte le leve, un piedistallo fuoriesce dal centro della stanza. Mentre Leonardo cerca il modo di aprire l'ultima porta del tempio, Ezio si avvicina al piedistallo per esaminarlo.

  • Ezio: Leonardo, vieni qui.

Leonardo ripone la sua torcia e si avvicina ad Ezio.

Ezio e Leonardo esaminano il piedistallo.

  • Leonardo: L'unità è compiuta! Ma la porta ancora non si apre.
  • Ezio: Riconosci questi simboli?
  • Leonardo: No... Aspetta. Questi sono i simboli che mi ha mostrato la Mela dell'Eden! Sono in ordine sbagliato. Fammi provare a... rimetterli a posto.

Leonardo riordina i simboli sul piedistallo.

  • Leonardo: Fatto!

Si apre una nuova porta, che Ezio e Leonardo oltrepassano.

  • Ezio: Conosco questa architettura.

Ezio pone la sua mano sul piedistallo che si trova al centro della sala, illuminandola.

  • Leonardo: Quelli non sono simboli Pitagorici. 43 39 19 N 75 27 42 W. Nulla. Il culto di Ermete si sbaglia. Il numero non ha senso.

Ezio ritira la mano e si avvia all'uscita della sala.

  • Leonardo: Te ne vai?
  • Ezio: Nessun numero può riparare il mondo. Vieni, amico mio, aiutami a trovare una nave per Navarra. Devo chiudere i conti con Cesare Borgia.

Leonardo continua ad osservare le cifre.

Ezio e Leonardo lasciano la sala.

  • Ezio: Esso non è destinato a noi.
  • Leonardo: Ezio. Mi nascondi qualcosa?
  • Ezio: (Ponendo una mano sulla spalla dell'amico) A cos'altro stai lavorando?
  • Leonardo: Ebbene, ho iniziato diversi studi di anatomia. Poi Re Luigi XII pare interessato ai miei lavori di meccanica.

I due pian piano si avviano verso l'uscita.

  • Leonardo: Oh, si, sto pensando di rifare quel "San Giovanni" perso nell'incendio. Salaì mi farà ancora da modello, ovviamente. E poi, voglio studiare una partoriente per vedere come cambia il suo corpo.
  • Ezio: Interessante. Parlamene un po'.

Ezio e Leonardo lasciano la Cripta.

Risultato[]

Ezio uccide Ercole Massimo, leader degli Ermetisti, salvando Leonardo. Dopodiché, i due scoprono la Cripta situata all'interno del Tempio di Pitagora.

Galleria[]

Ricordi principali
Sequenza 1: Pace agognata
Ite missa est - Ritorno a casa - Libera uscita - Caccia al purosangue - Esercitazione di tiro
Riunificazione - Calunnia - Uscita d'emergenza
Sequenza 2: Hic sunt leones
Come nuovo... - Ottima esecuzione - Il forestiero - Mani bucate - C'è posta per me
Crepi il lupo - Le sale di Nerone - Sottosuolo di Roma
Sequenza 3: Il guerriero, l'amante e il ladro
Doppio gioco - Tra l'incudine e il martello - Il prezzo del riscatto - Intelligenza collettiva
Sequenza 4: Covo di ladri
Infiltrazione - Femme fatale - Un pesante fardello - Guardiano di Forlì - Uomo del popolo
Maniaco omicida - Carico umano - Visita inaspettata - Il piano
Sequenza 5: Il banchiere
In fuga dai debiti - Va' dove ti porta il conio - Paese che vai... - Entrata e uscita - Documenti preziosi
Sequenza 6: Il barone di Valois
Difensore - Bacio alla francese - Cavallo di Troia - Au revoir
Sequenza 7: La chiave del castello
Zittire la talpa - Sacro e profano - Dietro le quinte - Intervento - Ascensione
Sequenza 8: I Borgia
Requiem - Una mela al giorno... - La Mela dell'Eden - Smilitarizzazione
Vedo rosso - Tutte le strade portano a...
Sequenza 9: La caduta
Pax romana - Un seme
Luoghi segreti
Lupi tra i morti - In pasto ai lupi - Capobranco - Il sesto giorno - Lupo travestito da agnello
Piatto ricco - Oro liquido
Ricordi di Cristina
Una seconda occasione - Estrema unzione - Testimone dello sposo
Persona non gradita - Pene d'amor perdute
Macchine belliche
Piani di guerra - Superiorità di fuoco - Piani di guerra - Mina vagante
Piani di guerra - Macchina volante 2.0 - Piani di guerra - L'inferno su ruote
Agenti Templari
Bersaglio a terra - Contropropaganda - Scomunica - Linea di tiro - Donna di spade - Corse clandestine
Contratti di assassinio
In due si è in compagnia... - Risorsa strategica - E in tre si è in troppi - Il frutto del raccolto - I tre amici
La lettera scarlatta - Il mercante di Roma - Corvi del malaugurio - Peccato cardinale
Cambiare le carte in tavola - Dieci e lode - Bruti e brutalità
Incarichi dei ladri
Cucciolo sperduto - Conflitto di interessi - Il guanto di sfida - Lotta di classe - Seminare zizzania
Premio in vista - Giovane dentro - Licenziamento - Distacco minimo - Per gli ammiratori
Incarichi delle cortigiane
Proprietà contesa - Cattive abitudini - Il mattino dopo - Bella in fuga - Esca viva - Malcostume
Avvicinamento - Cattiva politica - Piantagrane - Falso d'autore
DLC
La Questione Copernicana
Falsa censura - Fuori dall'orbita - Laurea ad honorem - Intellighenzia - Posta celere
L'uomo in rosso - Bersagli facili - Chiudere il libro
La Scomparsa di Da Vinci
Un lancio di dadi - Una donna in fuga - Memento mori - Buon viaggio
Invito in extremis - Intenditore d'arte - Decodificare da Vinci - Il tempio di Pitagora