FANDOM


Eraicon-Origins

Gneo Pompeo Magno (29 settembre 106 a.C. - 28 settembre 48 a.C.), è stato un'importante capo militare e politico della tarda Repubblica romana. Nel 60 a.C. insieme a Crasso e Cesare firmò il primo triumvirato, un'alleanza che doveva favorire le carriere politiche e militari dei tre firmatari.

Morì nel 48 a.C. dopo un attacco contro i gabiniani di Tolomeo XIII.

Biografia

Pompeo fu un alleato di Tolomeo XII, faraone d'Egitto e padre di Cleopatra e Tolomeo XIII. Nel 58 a.C. Tolomeo XII fu esiliato dal suo paese dopo un malcontento cittadino e si rifugiò a Roma. Pompeo nel 55 a.C. convinse ad un suo sostenitore, Aulo Gabinio, governatore della Siria, di conquistare il trono d'Egitto per Tolomeo, con la promessa di una lauta ricompensa. Gabinio riuscì nell'impresa e lasciò un piccolo contingente del suo esercito per proteggere il faraone, che si chiamarono gabiniani.

Dopo la morte di Crasso, uno dei triumviri, i rapporti tra Cesare e Pompeo peggiorarono sopratutto quando quest'ultimo si alleò con gli oppositori di Cesare. Così facendo costrinse Cesare a varcare il Rubicone e a dare inizio ad una guerra civile.

Nel 48 a.C. Pompeo fu attaccato da alcune navi tolemaiche nel mar Egeo mandate dall'Ordine degli Antichi ma fu salvato dall'arrivo della trireme di Foxida e Aya, giunti per chiedere udienza al generale romano per conto di Cleopatra che volle stringere un'alleanza con Pompeo offrendogli uno scrigno e lei stessa in matrimonio. Il generale accettò l'offerta e dichiarò che la sua flotta salperà presto per l'Egitto.

Morte

In quello stesso anno subì una sconfitta nella battaglia di Farsalo contro Cesare. La sconfitta costrinse Pompeo a ripiegare velocemente, con le truppe rimaste, in Egitto, dove c'era la sua alleata Cleopatra. Accampatosi vicino al delta del Nilo, nel 28 settembre venne attaccato a sorpresa dai gabiniani comandati da Lucio Settimio, suo vecchio compagno d'arme, che oltre a ucciderlo lo decapitò, lasciò il corpo a marcire conficcato su una picca e la testa la portò a Tolomeo XIII, che lo utilizzò per ingraziarsi Cesare e creare un'alleanza ma ciò non avvenne a causa del inaspettato arrivo di sua sorella Cleopatra accompagnata dai suoi servitori più fedeli che riuscirono ad allearsi con Cesare e convincerlo a muovere guerra a Tolomeo.

Galleria

Curiosità

  • Storicamente, Pompeo Magno non divenne alleato di Cleopatra e dopo la sconfitta di Farsalo volle fare un accordo con il faraone Tolomeo, che manipolato dai suoi consiglieri, ordinò la sua morte per potersi ingraziare Cesare, già in viaggio in Egitto all'inseguimento dell'avversario. Pompeo fu attratto in trappola su una barca da due suoi vecchi compagni d'arme, tra cui Settimio, che lo uccisero e lo decapitarono. La testa fu data al faraone che la utilizzò per ingraziarsi Cesare. Il generale romano vedendo la testa del suo amico, nonostante fosse un avversario, fece giustiziare i consiglieri del faraone, depose Tolomeo ed elevò sua sorella Cleopatra a faraona d'Egitto.
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.