Assassin's Creed Wiki

Le wiki internazionali di Assassin's Creed si uniscono per porre fine alla cultura tossica all'interno di Ubisoft.
→ Per saperne di più

LEGGI DI PIÙ

Assassin's Creed Wiki
Advertisement
Assassin's Creed Wiki
Eraicon - Personaggi.png


"Giuro sulla mia stessa vita e sulle vite che prenderò, non deluderò mai più Cosmos."
―Brisone[src]

Brisone fu un membro del ramo La Lega di Delo della Setta di Cosmos vissuto nel V secolo a.C.

Biografia[]

Brisone era figlio di una ricca artista di Atene, ma data la sua ricchezza e bellezza venne sfruttato dalle persone che lo circondavano. Quando venne a conoscenza della Setta di Cosmos, pensò che fosse la sua occasione per cambiare le cose diventando forte, temuto e rispettato. Tuttavia le cose non andarono così, e anche gli altri membri della Setta iniziarono a sfruttarlo.

Nel 431 a.C. la Setta di Cosmos si incontrò nel loro covo a Delfi, in Focide. Prima che l'incontro ebbe inizio venne preso da parte dal Mercante, membro della Lega Peloponnesiaca. Il Mercante iniziò a torturarlo per aver fallito nell'uccidere il famoso scultore ateniese Fidia, finendo per farlo morire. Nell'inconsapevolezza dei protagonisti, la misthios Kassandra assisté alla sua morte.

Eredità[]

Nel 2018 Layla Hassan rivisse i ricordi di Kassandra sfruttando un DNA parziale trovato sulla Lancia di Leonida attraverso l'Animus HR-8.5, assistendo a una versione ricostruita in maniera alternativa degli eventi. Al suo interno Kassandra interruppe le torture del Mercante e Brisone riuscì a sopravvivere.

Successivamente un altro membro della Lega di Delo, Podarce, scrisse a Brisone una lettera dicendo che tutti avevano sentito le sue grida di dolore. Podarce chiese a Brisone di raggiungerlo alle Isole d'Argento per sedare insieme una ribellione a Delo e Mykonos.

Quando Kassandra scoprì dei piani della Setta venne incaricata da Pericle di salvare Fidia da loro. Una volta portato al sicuro un amico di Fidia, Theras, consegnò a Kassandra una lettera intercettata inviata da Brisone a sua madre.

Nella lettera Brisone invitava sua madre a lasciare Atene poiché "forze oscure" in città stavano prendendo di mira degli artisti, tra cui lei stessa. Brisone invitò sua madre ad abbandonare suo padre se fosse stato necessario, mentre lui si sarebbe rifugiato alla cava di famiglia sull'isola di Salamina. Questo mise Kassandra sulle sue tracce, che lo raggiunse e uccise.

Galleria[]

Appare in[]

Advertisement