Eraicon - Templari.pngEraicon - AC2.pngEraicon - Rinascimento.png


Bernardo di Bandino Baroncelli (1453 - 1479) è stato un banchiere dei Pazzi e uno dei congiurati che ha tentato di uccidere Lorenzo de' Medici ed il fratello Giuliano, nonché un membro dell'Ordine dei Templari.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Membro dei Templari[modifica | modifica sorgente]

Bernardo era un contabile che viveva a Firenze. È cresciuto odiando i Medici per l'esilio dei suoi cugini. Fu assoldato da Jacopo de' Pazzi per uccidere Lorenzo de' Medici e Giuliano de' Medici, e successivamente divenne membro dei Templari.

Congiura dei Pazzi[modifica | modifica sorgente]

Nel 1478 si riunì nelle catacombe di Santa Maria Novella insieme a Francesco de' Pazzi, Jacopo de' Pazzi, Stefano da Bagnone e Rodrigo Borgia. Nell'incontro disse che aveva procurato le armi per uccidere i due fratelli Medici davanti Santa Maria del Fiore.

Il mattino dopo, Bernardo insieme agli altri cospiratori si nascosero tra la folla attendendo che Lorenzo insieme a suo fratello arrivassero al Duomo. Avendo visto i due fratelli Bernardo fu il primo ad attaccare, colpendo Giuliano, successivamente ucciso da Francesco.

Morte[modifica | modifica sorgente]

Dopo la morte di Francesco de' Pazzi, egli fuggì da Firenze insieme agli altri cospiratori, con il desiderio di trasferirsi a Costantinopoli.

Successivamente Bernardo, prima che lasciasse l'Italia, fu catturato da Mario Auditore, ma riuscì a fuggire e a nascondersi a San Gimignano.

Nel 1479 l'Assassino Ezio Auditore, grazie all'aiuto degli uomini di suo zio riuscì ad individuarlo grazie all'occhio dell'aquila a San Gimignano in compagnia di alcune guardie. Dopo un breve inseguimento l'Assassino lo uccise con la lama celata.

Ultime parole[modifica | modifica sorgente]

  • Baroncelli: Sapevo che saresti venuto...
  • Ezio: Dov'è Jacopo?
  • Baroncelli: Per poter fare a lui ciò che hai fatto a me?
  • Ezio: C'è ancora tempo per ripulirti la coscienza.
  • Baroncelli: Ci riuniamo in chiesa quando viene indetto un convegno.
  • Ezio: Mi duole dover giungere a tanto. Requiescat in Pace.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • In realtà, Baroncelli tentò di fuggire a Costantinopoli dopo il fallimento della Congiura. Tuttavia, egli fu arrestato dalle autorità turche in concomitanza della Repubblica di Venezia (con la quale negli anni precedenti era stata stipulata una tregua), che portò Baroncelli a Firenze per essere processato. Dopodiché venne impiccato il 29 dicembre 1479.
    • Una testimonianza della sua esecuzione può essere trovata in uno schizzo fatto da Leonardo da Vinci.

Galleria[modifica | modifica sorgente]

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.