Assassin's Creed Wiki
Advertisement
Assassin's Creed Wiki
Eraicon - Ricordi.pngEraicon - AC2.png


Benvenuto è la rappresentazione virtuale di una delle memorie genetiche di Ezio Auditore da Firenze, rivissuta da Desmond Miles nel 2012 attraverso l'Animus.

Descrizione[]

Ezio Auditore da Firenze e Leonardo da Vinci arrivano a Venezia e vengono condotti alla nuova bottega da Alvise da Vilandino, un portaborse che gli fa fare un rapido giro della città.

Dialoghi[]

Ezio Auditore da Firenze e Leonardo da Vinci, appena arrivati a Venezia, vengono accolti da un portaborse, Alvise di Vilandino.

  • Alvise: Maestro Da Vinci?
  • Leonardo: Sì?
  • Alvise: Ben arrivato! Mi chiamo Alvise. Il signor Dona mi ha chiesto di accompagnarvi alla bottega. Siete pronto?

Ezio e Leonardo iniziano un rapido giro di Venezia con Alvise.

Ezio e Leonardo seguono Alvise.

  • Alvise: Ah, Venezia! Non v'è luogo altrettanto bello, altrettanto stabile e perfetto. Venite, vi mostrerò le sue meraviglie!

Alvise mostra a Leonardo e ad Ezio il Ponte di Rialto.

  • Alvise: La prima tappa, il Ponte di Rialto. Guardate l'eleganza con cui si staglia sul Canal Grande; simbolo di unità e orgoglio veneziano.
    Proseguiamo.

Alvise conduce i due alla Chiesa di San Giacomo di Rialto.

  • Alvise: Eccoci qua: San Giacomo di Rialto. La chiesa più antica di Venezia. Non è splendida? Il suo orologio? Magnifico!
    Seguitemi, c'è altro da vedere.

Alvise li conduce a un mercato.

  • Alvise: Nessun'altra città può eguagliare i mercati Venezia. Che si tratti di spezie o di sete, da terre lontane vicine, c'è... c'è...

Il gruppo vede delle guardie avvicinarsi a una bancarella.

Le guardie minacciano il mercante.

  • Guardia 1: Ti avevamo detto di stare a casa.
  • Mercante: Ma ho pagato il nolo! Ho tutto il diritto di vendere qui!
  • Guardia 1: Emilio non è d'accordo!

Le guardie distruggono la bancarella.

  • Mercante: (Urlando) No, no! Fermi! Fermi!
  • Alvise: Proseguiamo il nostro giro... altrove.

Leonardo e Ezio continuano a seguire Alvise, finché Leonardo si ferma ad esaminare un piccolo manichino ad una bancarella.

  • Leonardo: (Prendendo in mano il manichino) Guarda. Non è curiosa? Ti spiace comprarmela? Ho... Ho lasciato il denaro fra i bagagli.

Ezio viene spintonato da una ladra.

  • Ezio: Ehi! Sta' un po' attento, coglione!

I tre continuano il loro giro ed arrivarono nei pressi del Palazzo della Seta.

Ezio, Alvise e Leonardo osservano il Palazzo della Seta.

  • Alvise: E questo è il Palazzo della Seta, dimora di Emilio Barbarigo. Normalmente, vi inviterei a guardarlo più da vicino, ma... vista la situazione...
  • Ezio: Perché? Che è accaduto?
  • Alvise: Sta cercando di unire i mercanti sotto un'unica egida. C'è stata una certa resistenza, anche violenta.
  • Ezio: Che tipo di resistenza?
  • Alvise: Dicono di combattere per il popolo, per la libertà e altre sciocchezze del genere. Baggianate, a mio avviso.

Ezio osserva il mercante al quale è stata distrutta la bancarella parlare con le guardie all'ingresso del Palazzo.

  • Mercante: M'hanno distrutto la bancarella. Esigo un risarcimento!
  • Guardia 2: (Colpisce con la lancia il mercante) Eccoti servito.
  • Mercante: Il Doge lo verrà a sapere! Vi denuncerò al consiglio!
  • Guardia 3: Tanti auguri, amico mio.

Le guardie arrestano il mercante.

Le guardie arrestano il mercante.

  • Mercante: Che state facendo?!
  • Guardia 4: Sei in arresto per intralcio al commercio.
  • Mercante: Cosa?! Cosa vi inventate?! Non c'è una legge simile!
  • Guardia 4: Adesso c'è.
  • Mercante: No! Fermi!

Le guardie portano il mercante all'interno del Palazzo della Seta.
Alvise, Leonardo ed Ezio arrivano alla nuova bottega di Leonardo.

  • Alvise: E ora, vi presento la vostra bottega, Ser Da Vinci. Non abbiamo badato a spese per realizzarla. Vedrete, è perfetta. Non vi farà rimpiangere Firenze. Vi auguro ogni successo e spero che apprezzerete Venezia quanto essa apprezza voi.

Alvise si inchina a Leonardo e gli tende la mano per ricevere la mancia. Leonardo tuttavia non gliela concede e Alvise lascia scontento i due.

Ezio e Leonardo davanti alla bottega.

  • Leonardo: Infine, ci siamo. Emozionante, vero? Ti va di entrare?
  • Ezio: Magari più tardi. Devo visitare il Palazzo della Seta; e ottenere udienza da Emilio.
  • Leonardo: Come vuoi. Ma se dovessi aver del tempo libero o un'altra pagina del Codice, vienimi a trovare. La mia porta è sempre aperta.
  • Ezio: Grazie, amico mio.

Ezio e Leonardo si abbracciano.

  • Leonardo: Di nulla.

Ezio si reca al Palazzo della Seta.

Risultato[]

Ezio e Leonardo arrivano a Venezia ed Ezio vede Rosa per la prima volta.

Galleria[]

Ricordi principali
Sequenza 1: Beata ignoranza
Ragazzate - Dovresti vedere l'altro - Rivalità fraterna - Tenuta da notte - Fattorino - Pesta il traditore
Il segreto di Petruccio - Amico di famiglia - Consegna speciale - Uccellino in gabbia
Eredità di famiglia - L'ultimo rimasto
Sequenza 2: Piani di fuga
Sopravvivenza - L'asso nella manica - Giudice, giuria, boia - Latitanza - Arrivederci
Sequenza 3: Requiescat in pace
Assistenza stradale - Casa dolce casa - La pratica rende perfetti - Tutto torna - Cambiamento di piani
Sequenza 4: La congiura dei Pazzi
Teoria e pratica - Caccia alla Volpe - Ci si vede là - Conciliabolo segreto
Lupi travestiti da agnelli - Addio Francesco
Sequenza 5: Quel che rimane
Quattro bersagli - Una lama che punge - Manovre evasive
Urla dalla torre - Dietro le porte chiuse - L'abito non fa il monaco - Un tipo sfuggente - Con amici così...
Sequenza 6: Strada impervia
Un lungo viaggio - Vacanza in Romagna - Tutti a bordo
Sequenza 7: Il mercante di Venezia
Benvenuto - Resterà il segno - Elementi base - Guarda e impara - Balzi e rimbalzi
Evasione - Stratagemma - I panni sporchi... - Tutto passa
Sequenza 8: Il bisogno, pungolo dell'inventiva
Parenti serpenti - Se alla prima non va... - Chi non risica, non rosica - Chi ben comincia... - Battesimo dell'aria
Sequenza 9: Carnevale
Sapere è potere - Damigelle in pericolo - La suora saggia - Sono partiti! - Bandiera - Nastro annodato
I bari fanno una brutta fine - Esplosioni!
Sequenza 10: Forza maggiore
Una svolta spiacevole - Combattente in gabbia - Non si lascia nessuno indietro
In posizione - Due piccioni con una lama
Sequenza 11: Alter ego
Bisogna saper aspettare - Adattarsi
Sequenza 12: Forlì sotto attacco
Un caldo benvenuto - Guardia del corpo - Sotto assedio - Il padrino - La pelle dell'Orsi - Il pomo della discordia
Sequenza 13: Il Falò delle Vanità
Fiasco fiorentino - Natura morta - Scalare i ranghi - Ascesa sociale - Estremi conforti - Autorità portuale
Precisione chirurgica - Il tristo mietitore - Arcinemesi - Il giorno del giudizio
Potere al popolo - Giustizia popolare
Sequenza 14: Veni, vidi, vici
La X segna il posto - Nella tana del lupo
Luoghi segreti
Il segreto del Duomo - Il segreto della Torre Grossa - Il segreto di Ravaldino - Il segreto di San Marco
Il segreto della Visitazione - Rendere ossequio - Invasione domestica - Sopra le travi, sotto la pietra - Naufragato
Pestaggio
Una donna maltrattata - Il maritino licenzioso - Un cascamorto sul tetto - Pugni promiscui - L'infedeltà non paga
Corsa
Corsa a San Gimignano - Gara a Firenze - Gara romagnola - Corsa veneziana
Di corsa a San Marco - Al galoppo
Assassinio
Un giorno al mercato - Arcieri cadenti - Suicidio politico - Chi semina vento... - Il mercato delle pulci
Rifornimenti su richiesta - Scintille di una cospirazione - Arci-nemici - Un lavoro bagnato - Una lama tra la folla
Il sangue non è acqua - Tolleranza zero - Un ladro onorevole - Nulla da ridere - Un falso storico
Non sporcarti le mani - Spettacolo - Sfoltire i ranghi - Verso la luce - Ordine del giorno - Un ago in un pagliaio
Il capo branco - Missione di pace - Caveat emptor - Menar fendenti - Divieto di sosta - La morte è servita
Osserva e agisci - Come guastare una festa - Il cacciatore diventa preda
Consegna
Cerimonia nuziale - Il duro lavoro del messaggero - Consegna espressa - Un matrimonio perfetto - Sciupafemmine