Eraicon - Personaggi.png


Archidamo II, conosciuto anche semplicemente come Archidamo fu un re di Sparta che regnò nel corso del V secolo a.C. All'inizio della guerra del Peloponneso divideva il trono con re Pausania.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nei primi anni del suo regno Sparta venne colpita da un devastante terremoto che distrusse parte della città, spingendo molti iloti alla ribellione. Tuttavia Archidamo fu in grado di spegnere la rivolta e ricostruire la città.

Tra il 446 a.C. e il 445 a.C. Archidamo pose fine alla prima guerra del Peloponneso siglando una pace trentennale con Atene. Tuttavia la pace non durò quanto preventivato, e nel 431 a.C. scoppiò la seconda guerra del Peloponneso. La prima fase della guerra prende da lui il nome di "guerra archidamica".

Archidamo era molto attaccato alle tradizioni, e si schierò da parte degli anziani quando venne giudicata necessaria la morte del piccolo Alexios, figlio di Myrrine e Nicolao, per assicurare la sopravvivenza di Sparta. Durante l'esecuzione della condanna di Alexios sua sorella Kassandra provò a salvarlo ma finì per gettare un anziano dal Monte Taigeto, venendo condannata a sua volta. In seguito all'incidente Myrrine ruppe il naso ad Archidamo e fuggì a Sparta dopo essere andata in cerca dei suoi figli.

Molti anni dopo Myrrine fece ritorno a Sparta insieme a Kassandra dall'esilio, ma Archidamo non era ancora pronto a perdonarla per la rottura del suo naso. Tuttavia acconsentì a concedere loro un'udienza dopo aver visto il loro impegno per riconquistarsi la sua fiducia. Non ancora convinto appieno, Archidamo chiese a Kassandra di aiutare l'esercito nella conquista della Beozia.

Quando Kassandra e Myrrine furono di ritorno quest'ultima convocò gli efori in occasione dell'udienza, durante la quale Kassandra accusò Pausania di aver tradito Sparta unendosi alla Setta di Cosmos. Archidamo, furioso con l'altro re, lo condannò insieme agli efori all'esilio, riconoscendo poi gli sforzi di Kassandra restituendo a lei e a sua madre la cittadinanza spartana e la loro casa di famiglia.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Il gioco e il libro mostrano Archidamo ancora in carica nel 424 a.C. mentre storicamente morì nel 427 a.C. e venne succeduto da suo figlio Agide II.
  • Storicamente ci furono cinque re di Sparta con in suo nome, derivato dalle parole greche αρχος (archos), "padrone" e δαμος (damos), "popolo".

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Appare in[modifica | modifica sorgente]

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.