Assassin's Creed Wiki

Le wiki internazionali di Assassin's Creed si uniscono per porre fine alla cultura tossica all'interno di Ubisoft.
→ Per saperne di più

LEGGI DI PIÙ

Assassin's Creed Wiki
Advertisement
Assassin's Creed Wiki

Angelo Ambrogini (14luglio 1454 - 29 settembre 1494), detto il "Poliziano" dal nome latino del suo luogo di nascita (Mons Politianus), è stato un poeta, drammaturgo e umanista italiano tra i più ricordati e famosi. Fu attivo durante l'apice del Rinascimento fiorentino alla corte Medicea di Lorenzo il Magnifico.

Biografia[]

Nato in un'agiata famiglia di giurati a Montepulciano, Angelo crebbe con istruzione e disponibilità economiche. Fin da fanciullo, fu caratterizzato da un precoce apprendimento e grande predisposizione allo studio umanistico. All'età di quindici anni, nel 1469, dimostrò la sua passione traducendo numerosi testi classici.

Un anno dopo, avendo la possibilità di continuare gli studi, si trasferì a Firenze per intraprendere la carriera universitaria. Il suo notevole talento lo distinse chiaramente dagli altri allievi. Ciò colpì particolarmente Lorenzo de' Medici, che lo volle alla sua corte. Il mecenate, entrato in confidenza negli anni successivi, nominò Angelo "precettore" dei suoi figli. La carica, avuta nel 1475, fece scalpore e diede al giovane filosofo notorietà e ammirazione tra l'alta nobiltà di Firenze.

Tre anni più tardi, Poliziano dovette assistere al fianco di Lorenzo alla Congiura dei Pazzi. L'evento fu terribile e segnò emotivamente l'animo del poeta, in particolare dopo la notizia dell'uccisione del giovane Giuliano de' Medici, fratello di Lorenzo. Superata la temporanea instabilità politica, il Magnifico riprese il potere e, grato ad Angelo per averlo salvato dal terribile evento, gli concesse la cattedra allo Studio fiorentino. La prestigiosa università accademica vide il Poliziano professore per "Elogio" di studio linguistico latino e greco. Questo fu l'apice della sua vita.

Angelo morì per avvelenamento due anni dopo di Lorenzo. Dopo la sua morte, il figlio di Lorenzo, Piero de' Medici, venne esiliato da Girolamo Savonarola, che prese il controllo della città.

Galleria[]

Advertisement