FANDOM


Eraicon - RevelationsEraicon - Crociata Segreta

Alamut Castle

Concept art della fortezza di Alamut.

Alamut è stata una fortezza degli Assassini levantini situata in Persia che serviva come capitale per la Confraternita degli Assassini quando divenne nota anche al pubblico. Fu il quartier generale di molti altri castelli stabiliti tra le montagne della Persia e della Siria, in particolare Masyaf.

Rimase in funzione fino alla sua distruzione avvenuta nel 1256 da parte dell'Impero mongolo in rappresaglia per l'assassinio di Gengis Khan da parte di Darim Ibn-La'Ahad e Qulan Gal, dopo di che la fortezza venne abbandonata.

Storia

La fortezza di Alamut fu, all'insaputa degli Assassini dell'epoca, costruita in cima al sito di un piccolo tempio di Isu, che conteneva dozzine di sigilli di memoria. Sotto la guida di Hassan-i Sabbāh, Alamut divenne la base principale della Confraternita levantina quando trasformò l'Ordine da una setta segreta ad una setta pubblica.

Durante il periodo di Hassan il Giovane, un Assassino di nome Al Mualim partì dal castello per stabilire la fortezza di Masyaf nelle montagne An-Nusayriyah, apparentemente per diffondere l'influenza degli Assassini sul Levante. Nonostante le voci che questo fosse il risultato di uno scisma tra Hassan e il suo subordinato, i due continuarono a coesistere come importanti roccaforti per la Confraternita levantina durante tutto il periodo medievale.

Nel 1227, Altaïr Ibn-La'Ahad, suo figlio Darim, la moglie del defunto figlio Sef, e i suoi nipoti cercarono rifugio ad Alamut dopo che Abbas Sofian organizzò un colpo di stato per prendere il comando dell'Ordine degli Assassini. Altaïr rimase in esilio nella fortezza per quasi due decenni, durante i quali fece molte scoperte, oltre a creare una serie di invenzioni attraverso le conoscenze acquisite dalla Mela dell'Eden. Altaïr inoltre scoprì anche i resti del primo tempio della Civiltà e portò con sé i sei sigilli della memoria, usando poi cinque di essi come chiavi necessarie per aprire la sua biblioteca sotto la fortezza di Masyaf.

Nel 1256, gli Assassini persero il controllo della fortezza a causa dell'invasione dell'Impero mongolo, e la sua famosa biblioteca fu distrutta da un incendio per ordine di Ata-Malik Juvayni, un servitore della corte mongola.

Nel XVIII secolo, le rovine della fortezza furono visitate da Edward Kenway, un Assassino britannico, alla ricerca dei siti degli Isu.

Curiosità

  • "Alamut" è una parola persiana che significa "nido d'aquila". È anche il nome del romanzo che in parte ha ispirato il franchise di Assassin's Creed.
  • Storicamente, Alamut fu l'ultima fortezza degli Assassini a cadere per via dei mongoli, non Masyaf dopo che il Gran Maestro degli Assassini o il Mentore, Rukn al-Din Khurshah, fu giustiziato dai Mongoli nel 1256, un anno prima che Masyaf fosse caduto ai Mongoli.
  • Sebbene Alamut sia in Persia, non nel Levante, e la separazione di Al Mualim da Hassan il Giovane suggerisce che Alamut e Masyaf ospitassero rami separati, Assassin's Creed: La Guida Essenziale si pensa che Hassan-i Sabbah era un Assassino operante nel Levante. Ciò indica che, almeno ufficialmente, Alamut e Masyaf appartengono allo stesso ramo chiamata Confraternita levantina.

Fonti

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.

Some of the links below are affiliate links meaning, at no additional cost to you, Fandom will earn a commission if you click through and make a purchase.

Stream the best stories.

Some of the links below are affiliate links meaning, at no additional cost to you, Fandom will earn a commission if you click through and make a purchase.

Get Disney+