FANDOM


Eraicon - Project Legacy


Agnadello è un comune del nord Italia. Nel XVI secolo avvenne anche l'omonima battaglia.

Storia

Durante il Rinascimento, ad Agnadello venne stabilita un'importante sede dell'Ordine degli Assassini. Infatti, vi era custodita la Sindone, un frutto dell'Eden.

Nel 1498, l'Assassino Perotto Calderon fuggì da Roma assieme al figlio, con l'intento di curarlo con la Sindone. Una volta arrivato in città, Perotto si dovette scontrare con i suoi confratelli, fino a raggiungere la casa di Rinaldo Vitturi, il Custode della Sindone, che gli fece usare il manufatto, che funzionò con successo. Tuttavia, la ricerca di Perotto gli costò la vita, poiché per curare il figlio tradì la Confraternita ed i principi del Credo. Infatti, Perotto venne circondato e ucciso ad Agnadello.

La morte di Perotto indignò vari membri della Confraternita, che disertarono e si rifugiarono ad Agnadello. Nel 1503, l'Assassino Francesco Vecellio guidò una squadra in città per scovare i disertori e scoprire le loro reali intenzioni.

Il 14 maggio 1509, i Templari, che avevano scoperto che la Sindone era custodita ad Agnadello, attaccarono la città. Durante la battaglia, l'esercito veneziano venne sconfitto, e l'Assassino Bartolomeo d'Alviano venne fatto prigioniero, mentre la Sindone venne presa dai Templari.

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.