FANDOM


Eraicon - AssassiniEraicon - Fumetto Francese

"La tua ascesa alla gloria ti precede, Accipiter."
Cuervo ad Accipiter[src]
Accipiter
Accipiter
Informazioni biografiche
Periodo storico

III secolo a.C.

Informazioni politiche
Affiliazioni

Assassini

Alamanni

Altre informazioni
Appare in

Fumetto Francese


Accipiter è stato un generale alamanno, cugino di Aquilus e membro dell'Ordine degli Assassini vissuto nel III sec.

Nel 259 d.C. Accipiter si trovava in una posizione di leader delle forze Alamanne, guidandole in battaglia in Gallia nella speranza di conquistare la regione. Era un antenato di Jonathan Hawk.

Biografia

Nel 259 d.C, Accipiter in qualche modo acquisì l'Ankh, un pezzo di Eden. Organizzò un incontro con suo cugino Aquilus per dargli l'artefatto per la protezione, ma presto si ritrovò a combattere un piccolo esercito di romani. Dopo che gli Alemanni vinsero la battaglia, Accipiter scoprì che Aquilus era privo di sensi all'interno della tenda del generale romano Gracco. Portò Aquilus con sé a casa sua per curare le sue ferite.

Quando Aquilus riacquistò conoscenza, Accipiter gli parlò della battaglia che aveva avuto luogo, e il mattino dopo i due viaggiarono a breve distanza verso la destinazione di Aquile. Si fermarono vicino a un fiume, dove Accipiter diede a Aquilus il manufatto. Dopo che Aquilus fece una richiesta urgente all'Alemanno di risparmiare la sua città natale di Lugdunum dalla conquista, i due si separarono e Accipiter tornò con gli Alemanni.

Più tardi, Accipiter partecipò ad un'altra battaglia contro i romani, uccidendo numerosi soldati romani. Gli Alemanni celebrarono la loro vittoria quella notte, dove Accipiter fu salutato da suo fratello Cuervo, un assassino iberico che non riconobbe in un primo momento. Cuervo spiegò che stava viaggiando a Lugdunum e che sapeva dei piani degli Alemanni per conquistare la Gallia. Sottolineando l'importanza di Ludgunum per la Confraternita degli Assassini, Cuervo propose ad Accipiter di allearsi con il Prefetto di Lugdunum, risparmiando così Lugdunum dal saccheggio ma creando anche profitti per gli Alemanni, un compromesso a cui Accipiter era d'accordo.

Accipiter si incontrò con il prefetto di Lugdunum fuori dalla sua città, chiedendo un riscatto in cambio della sicurezza della città. Inizialmente riluttante, il prefetto di Lugdunum accolse con entusiasmo la sua richiesta dopo aver sentito minacce dal generale alemanno. Al prefetto si unì un altro uomo, il quale sussurrò che i preparativi per l'arresto e il processo di Aquilus erano pronti. Accipiter ascoltò la discussione e, dopo aver dato tutto il denaro ai suoi uomini, si precipitò a Lugdunum per trovare suo cugino. Cercando nella villa di Aquilus, Accipiter trovò solo il cameriere presente, che lo informò che sia Aquilus che sua moglie Valeria erano stati portati via dalle guardie romane a Rodumna.

Prendendo il sentiero dei Romani, Accipiter alla fine tese un'imboscata al convoglio romano che stava trasportando Aquilus e Valeria. Una delle guardie romane, dopo aver individuato l'Alemanno, tagliò la gola di Aquilus, ma tutti incontrarono una morte espediente dalla prua di Accipiter. L'Alemanno però riuscì a salvare Valeria e avvolse il corpo di Aquilus in un panno. Dopo essere fuggiti dalla scena, i due hanno allestito il campo, dove Accipiter ha richiesto che Valeria nascondesse personalmente l'Ankh da qualche parte al sicuro, come lo stesso Accipiter stava facendo la guerra e non voleva rischiare che l'artefatto finisse nelle mani sbagliate.

Personalità e caratteristiche

Accipiter era sia un generale barbaro e un leale sostenitore della sua famiglia. Pur essendo dalla parte opposta dell' Assassino Gallo-Romano Aquilus, Accipiter non solo si prese la responsabilità della vita di suo cugino sul campo di battaglia, ma giurò anche di risparmiare la città natale di Aquilus.

Accipiter era un comandante di talento, avendo guidato attacchi attraverso il Danubio e il Reno. Capì anche il valore della guerra per attrito, aveva trascorso una parte significativa della sua carriera militare attaccando campi e fortificazioni romane. A parte la sua misericordia verso suo cugino e Lugdunum, Accipiter ha vinto molte vittorie per se stesso e per il suo popolo grazie alle sue tattiche e abilità sul campo di battaglia.

Curiosità

  • Il nome di Accipiter deriva dall' latino "falco", presumibilmente derivato dal verbo accipiō che significa "prendere, afferrare".

Galleria

Apparizioni

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.